domenica 25 ottobre 2015

CERTI MAGISTRATI FACCIANO INNANZI TUTTO PACE COL CERVELLO


IN PRIMIS OCCORRE STABILIRE SE SONO PRO HONESTO CIVE


In ogni attività nella quale il genere umano si esprime abbiamo visto e vediamo presenti ottimi operatori, gente scadente ed anche mascalzoni. La Magistratura non è esente da questa realtà e nel tempo ha conosciuto alti e bassi livelli di qualità. Nel tempo, e proprio in questi giorni, la cronaca ci inonda d'esempi di magistrati mascalzoni, profittatori e ladri.

Sempre nel tempo, e nel campo specifico d'azione, di sentenze astruse la magistratura ce ne ha fatte vedere tante ! Il più delle volte la difesa d'ufficio dice che il magistrato applica la legge e che, semmai, è la legge che è scritta male. In realtà la possibilità di interpretare i fatti e le testimonianze, il modo stesso di porre o meno le domande hanno una rilevanza  innegabile.
Peccato poi che, nei ministeri dove si scrivono i decreti attuativi delle leggi, di magistrati distaccati o ex magistrati consulenti se ne trovino a iosa. In pratica sono loro che " fanno " le leggi, che spostano la virgola, che inseriscono l'aggettivo e l'avverbio capaci di stravolgere il significato del provvedimento. E quella virgola, e quell'avverbio sono ad uso e consumo di chi sa che ci sono !


LEGGI NON ATTUALI

I mali endemici dell' Italia sono quattro :


1 - siamo un popolo levantino, sempre pronto al sotterfugio. I più, ormai privi di dignità,  sono sempre pronti alla svendita per l'interesse personale, per una poltrona od un pennacchio.

2 - la burocrazia pubblica, nelle sue varie manifestazioni e nell' applicazione di distorte leggi, è la fonte primaria di malgoverno e corruzione. Basta entrare in un pubblico ufficio per rendersi conto che Dio non è uno e trino, ma si manifesta in centinaia di migliaia di unità; una dietro ogni porta.

3 - la legislazione, eccessiva, farraginosa, scritta in modo incomprensibile e confliggente al suo interno, per i motivi rappresentati al punto 2, non è mai all'altezza dei tempi. Ogni pur minima variazione necessita di tempi biblici; e quando arriva è ormai inefficace. In pratica la certezza del diritto ( inteso come comprensibile complesso di norme ) è assente.

4 - poichè le leggi le fa un Parlamento mai sceso ai livelli di credibilità di questi tempi; poichè i decreti attuativi delle leggi le fanno i mandarini della CASTA oggetto di questo articolo, non c'è da stupirsi del fatto che il paese sia al tracollo.

E' inutile che il Dr. SABELLI s'incazzi e lanci strali contro la delegittimazione della magistratura. Questa si delegittima da sola !
Con i suoi orpelli, con la sua supponenza, con i  tempi interminabili dei suoi processi, con le sue astruse indagini e le ancor più astruse sentenze. Se la GIUSTIZIA non funziona in questo paese sarà forse colpa dei meccanici o degli oculisti ? E se sono d'accordo sulla necessità delle intercettazioni ( l' honestus civis nulla ha da temere al riguardo, purchè il magistrato sappia custodirle e non le usi per le sue battaglie politiche ) che dire delle tante prescrizioni con le quali si gratificano potenti e mezze seghe, anche dinanzi a reati evidenti, chiari, chiarissimi ..... che tre gradi di giudizio dovrebbero superarli in una giornata ?!?!

E di questa autodelegittimazione della giustizia  c'è la prova provata : ormai solo i politici dicono di confidare nella giustizia .... per tenersi buoni i giudici! Provate a chiedere al popolo e sentirete che aria tira.



UN POPOLO DI COGLIONI BENPENSANTI E RAMMOLITI  DOPATI DALLA SINISTRA


L'altra sera, nel corso di  una trasmissione televisiva, ho provato un orgasmo d'altri tempi. Si parlava di legittima difesa. L'Italia è il paese dove si è stati capaci di far assurgere il concetto di eccesso di legittima difesa a livelli impensabili. Quante minchiate ho ascoltato, quante esaltazioni dello Stato difensore ed unico paladino, quasi che ci fosse un agente dell' ordine in ogni angolo a proteggerti. E se ho ascoltato attentamente pacati pareri pro e contro una maggiore estensione della legittima difesa,  che dire di un risibile LUCA TELESE , tutto a sbracciarsi sulla dimostrazione di teoremi della crescita della mortalità legate ad un maggior diritto alla autodifesa personale o di un MUGHINI   - sicuramente  è uno che neppure ha fatto il servizio militare ! - tutto " aborro solo al pensiero delle armi " ?

A bastonare questi sciocchi paladini della bontà è arrivato addirittura un magistrato. Con calma e chiare parole, pesanti come pietre, ha spiegato l'inadeguatezza ai tempi e alla criminalità odierna del codice penale. " Non siamo più in presenza del topo d'appartamento - ha detto - che aspetta la tua uscita di casa per intrufolarsi  e derubarti. Siamo in presenza di delinquenti incalliti, assassini sanguinari provenienti dall'est o da paesi belligeranti , con dietro di loro strisce di sangue incredibili. Sono spesso ex miliziani che hanno combattuto, massacrato e stuprato negli eventi bellici che nell'ultimo ventennio hanno insanguinato i Balcani . Dal furto, e dall'eventuale schiaffo o spintone, s'è passati alla RAPINA alla TORTURA e all' ASSASSINIO."

Pensate ..... fanno informazione ..... conducono i talk-show e non hanno capito neppure questo !

Luca TELESE che figura di merda che hai fatto !


Nessun commento:

Posta un commento